Ecommerce: quanto costa avviarlo.

da | Dic 14, 2021 | 0 commenti

shop online

Aprire un eCommerce è diventato uno dei maggiori trend di questo particolare periodo storico e, visti gli andamenti, uno dei più vantaggiosi da sfruttare. Lo shop online è infatti in una fase di forte sviluppo e le statistiche dimostrano l’incremento a livello mondiale dello shopping online.

Hai intenzione di aprire un ecommerce ma non sai come fare ?

Il primo passo da fare è scegliere quale prodotto vendere. Ebbene si, sembra scontato eppure molti utenti che entrano nel commercio online sono più affascinati dall’idea di avere un e-commerce che di gestire materialmente il proprio negozio online.

Una volta individuato il prodotto è il momento di decidere come gestire il proprio inventario. La gestione del magazzino e, di conseguenza, i rapporti con i fornitori, la gestione degli ordini e della logistica è fondamentale per il successo del proprio e-commerce.

Come realizzare il tuo ecommerce

Ora passiamo alla parte operativa:  quali sono i passaggi per sviluppare un sito e-commerce competitivo?

Il numero di e-commerce sta crescendo in maniera esponenziale, la concorrenza non è più a livello locale ma mondiale e per essere competitivo nel business online è fondamentale che il tuo shop online sia semplice da utilizzare ed intuitivo, per trattenere e invogliare gli utenti ad andare avanti nella navigazione. Per far sì che acquistino da te e non decidano di rivolgersi ad altri, è bene analizzare i propri concorrenti e capire quali strategie applichino per il loro business. Solo in questo modo potrai indirizzare nel migliore dei modi il tuo business verso la strada del successo.

Facilita l’acquisto nel tuo ecommerce

La facilità con cui gli utenti creano il loro carrello ed acquistano sul tuo shop online è fondamentale per concretizzare la vendita. Per questo, includi opzioni per il cross-selling alla cassa ed aumenta, così, il tuo scontrino medio.

Inoltre, in fase di acquisto, è altamente consigliato rassicurare gli utenti sulle modalità di pagamento e sulla sicurezza dei processi. Per questo motivo è necessario prevedere un sistema che garantisca pagamenti sicuri per i tuoi clienti.   

Quale piattaforma di ecommerce scegliere

Sul mercato esistono diverse piattaforme e-commerce open source che ti permettono di raggiungere i tuoi clienti e gestire le vendite in modo efficace.

La scelta della piattaforma giusta per sviluppare il tuo e-commerce influisce in modo determinante sul successo del tuo negozio online, sui costi e sulle modalità di gestione.

Le principali piattaforme di sviluppo dell’e-commerce sono:

  • WooCommerce;
  • Prestashop;
  • Magento.

WooCommerce

WooCommerce è un plugin di WordPress ed è la soluzione migliore se hai già un sito con questo CMS. È molto semplice da utilizzare e ha molte opzioni di personalizzazione. Sul mercato è possibile trovare molti plugin ed estensioni gratuite, nonostante l’interfaccia professionale e la ricchezza delle funzionalità.

Magento

Magento è il top in termini di sicurezza, affidabilità, espandibilità e di possibilità di offerte. È una soluzione per medio-grandi aziende e riesce a gestire fino a mezzo milioni di prodotti in tutta tranquillità, senza avere dei rallentamenti. Il suo sviluppo richiede programmatori che siano esperti e specializzati in Magento. 

Clicca Qui!  per conoscere il mondo Magento.

Prestashop

Prestashop, invece, è particolarmente consigliato per tutte quelle piccole e medie imprese che vogliano sviluppare e-commerce fino a qualche centinaia di prodotti. Infatti, la piattaforma funziona bene sino a quando il numero non comincia a crescere: oltre una certa soglia possono verificarsi alcuni problemi. 

Clicca Qui! per conoscere il mondo Prestashop.

La gestione è molto semplice ed intuitiva. I suoi plugin sono meno costosi rispetto a quelli di Magento ed in alcuni casi anche gratuiti.

Se vuoi scoprire quali sono le differenze tra Prestashop e Magento clicca qui!

Cosa fare dopo che hai creato il tuo e-commerce

Una volta che il tuo sito sarà online, inizia il vero lavoro!

Per vendere online devi creare una strategia di web marketing che ti faccia conoscere sul mercato ed attiri clienti.

Ma qual è la migliore strategia di marketing per gli e-commerce?

La creazione di una strategia di Marketing si basa su due strumenti molto importanti, ossia Google Ads e Facebook Ads. Ma possiamo usarle entrambe? Andiamo per gradi.

Google non ha certo bisogno di presentazioni! Chi non conosce IL motore di ricerca ? Probabilmente la “barra” più famosa al mondo, quella che consultiamo per qualsiasi esigenza, dal testo di una canzone al ristorante in cui andare nel weekend o, ancora, per conoscere, che so?!, quando è stata scritta la Divina Commedia!
Insomma, gran bella invenzione per chi sa come sfruttarla, assicurandosi di comparire tra i risultati della famosa I pagina, l’unica che si controlla (ammettilo, non è una colpa!).
E’ chiaro che di tutto si tratta, tranne che del caso e le aziende di oggi lo sanno! Sanno quanto sia importante utilizzare Google al meglio, comparire tra le prime voci della ricerca (attraverso Google Ads, di cui ti parlerò tra pochissimo) e attirare clienti attraverso la pubblicità. Una pubblicità che, molto spesso, si associa a quella effettuata sulla piattaforma social più famosa del mondo: Facebook.

Vuoi leggere di più sulle differenze tra Google Ads e Facebook ads? clicca qui!

Rivolgiti ad un’agenzia di marketing per sfruttare nel migliore dei modi il tuo budget destinato alla campagna di sponsorizzazione.

Una volta che hai ben chiaro quale Cms sfruttare per avviare in tuo ecommerce e quale strategia utilizzare per la tua campagna marketing sarà possibile definire il costo del tuo ecommerce. Non fidarti di chi ha un listino fisso! La definizione dei costi di uno shop online deve essere creata su misura per il tuo business.

Da oggi è possibile pagare il tuo ecoomerce a rate

Prenota una Consulenza Gratuita

Articoli correlati

Come migliorare il tuo sito web

Come migliorare il tuo sito web

La creazione sbagliata di un sito web è alla base del fallimento di tante startup. Il problema principale è che i potenziali clienti che stanno cercando il nostro prodotto/servizio su Google non lo trovano e, di conseguenza, per loro è come se non esistesse. Vuoi...

leggi tutto